Secretary.it la community dedicata alle assistenti di direzione

Professione Assistenti di direzione

Curare l'abbigliamento per il successo

L’apparenza non inganna: curare l’abbigliamento è un must

È il caso di dirlo: l’abito fa il monaco! Per fare una buona impressione e crearsi una reputazione bisogna curare il proprio abbigliamento e il proprio aspetto.

Dal momento che veniamo identificati, classificati, interpretati in un tempo brevissimo, occorre che il nostro aspetto comunichi a prima vista chi realmente siamo e di cosa ci occupiamo. I nostri abiti e i nostri accessori saranno utilissimi a veicolare informazioni ed a massimizzare il messaggio che stiamo mandando al nostro pubblico attraverso le nostre parole.

Da sempre l’abbigliamento e/o gli accessori trasmettono informazioni: l’abito ricopre un ruolo essenziale nelle relazioni umane e indica il ruolo nella società, il nostro posto nella gerarchia sociale, il nostro stato civile, le nostre idee politiche o sociali, il lavoro che svolgiamo.

Alla base di tutto c’è un dato di fatto verificato da diverse ricerche: noi ci facciamo un’opinione della persona che abbiamo di fronte in un tempo compreso tra un decimo di secondo e cinque minuti e questo processo è determinato sia dalle convenzioni, (ad es. giacca e cravatta o tailleur significano consulente finanziario o dirigente), sia da criteri soggettivi quale somiglianza con una persona conosciuta o vecchie esperienze e ricordi.

Esiste una Psicologia dell’abbigliamento per cui ogni indumento, ogni dettaglio è capace di modulare il comportamento delle persone che ci circondano attraverso codici impliciti che fanno parte della comunicazione non verbale.

Pensiamola cosi: ogni volta che indossiamo qualcosa, stiamo comunicando a chi ci sta di fronte, qualcosa di noi, come chi siamo, che lavoro facciamo e come lo facciamo, che opinione abbiamo di noi stesse, se ci riteniamo adatte al ruolo, se siamo consapevoli delle nostre capacità…oppure no! Più ci vestiamo per apparire sicure di noi stesse, più le persone lo percepiranno; più le persone lo percepiranno, più noi lo saremo!

curare l'abbigliamento professionale

I “WorkingOutfit” di Amal Alamuddin, avvocato di successo e moglie di George Clooney

Possiamo dire pertanto che gli abiti e gli accessori ci aiutano a raggiungere gli obiettivi e a soddisfare le motivazioni, contribuiscono al formarsi della prima impressione e influiscono sul crearsi della nostra reputazione.

Quindi attenzione a cosa indossiamo e a cosa di noi vogliamo comunicare, soprattutto in certi contesti!

Imparare ad usare in modo consapevole la nostra immagine, in ambito lavorativo, ci permetterà di:

  • Distinguerci dagli altri;
  • Costruire credibilità;
  • Incrementare la visibilità in azienda;
  • Sviluppare una percezione alta di professionalità e personalità;
  • Incontrare clienti di tutto il mondo, sentendoti sempre all’altezza e confident.

Perché affidarsi ad una professionista? Perché l’immagine che abbiano di noi, il più delle volte non coincide con il modo in cui ci vedono gli altri; perché “vedersi da fuori” è sempre difficile e quando qualcuno ci guida nell’osservazione, scopriamo cose favolose di noi stesse; per conoscere i “significati nascosti” degli abiti che indossiamo e per creare la nostra immagine consapevole. Perché, semplicemente, vogliamo valorizzare noi stesse attraverso consigli mirati e personalizzati e vogliamo apparire sempre al nostro meglio, perché sappiamo quanto questo sia importante nell’ambiente in cui lavoriamo.

Leave a Reply