Secretary.it la community dedicata alle assistenti di direzione

Professione Assistenti di direzione

Feng shui: l’alleato perfetto per lo smart working

Come trasformare le nostre abitazioni in uffici e aule di scuola? Un aiuto può arrivare dal Feng Shui.

È passato quasi un anno da quando le nostre vite sono state trasformate. Le nostre abitudini cambiate, forse per sempre. Abbiamo imparato la nobile arte della panificazione e della preparazione dei cibi in casa come non si faceva da oltre un cinquantennio. Abbiamo riscoperto che il nostro mondo, fino al febbraio 2020 globale, improvvisamente si è rimpicciolito e si è richiuso dentro le mura domestiche. Le uniche frequentazioni possibili: i familiari conviventi.

Le nostre case hanno dovuto trasformarsi in aule e uffici in miniatura, gli spazi dapprima vissuti principalmente a fine giornata hanno dovuto essere trasformati per consentire una pacifica convivenza di tutti con evidenti esigenze diverse. Anche la concezione del pranzo è drasticamente cambiata, e spesso la famiglia si è trovata a dover gestire un unico tavolo per la consumazione del pasto, come postazione di lavoro e banco di scuola per la DAD.

Come scrivevo nell’articolo di dicembre, consiglio di approfittare del tempo che si guadagna non dovendo raggiungere la scuola o l’ufficio per svegliarsi bene e con calma, nel momento in cui gli ormoni cominciano ad entrare in circolo e il nostro organismo può passare gradualmente e senza grossi traumi dal sonno all’attività. Potete fare mezz’oretta di ginnastica dolce, un po’ di risveglio muscolare, potete anche scegliere di fare qualche minuto di meditazione. Adesso siamo alle porte della primavera e il nostro organismo si sta svegliando con la natura, quindi si può pensare di fare anche una mezz’oretta di passeggiata fuori casa prima di iniziare a lavorare.

Essenziale per la postazione di lavoro è che la luce arrivi lateralmente sullo schermo quindi no alle finestre di fronte o alle spalle. In questi mesi ho visto delle situazioni davvero improbabili, con le persone che si siedono dando le spalle alla porta di ingresso della casa, perché spesso l’unica piccola scrivania è nell’ingresso. Questo è il momento di utilizzare la nostra abitazione e farci sostenere da lei nell’affrontare il nostro lavoro: non si tratta di fare grandi rivoluzioni né di spendere un capitale. Ad esempio, se avete una piccola scrivania nell’ingresso, vi consiglio di portarla verso la facciata della vostra abitazione: cercate di sedervi con le spalle verso una parete in modo tale che possiate sentirvi protetti. Se non l’avete potete acquistarne una piccola ed economica e dotarla di ruote in modo tale che la possiate poi nascondere senza sentirvi invasi dal mobilio. Altrimenti resta il tavolo da cucina; in questo caso il mio consiglio è di “smontare l’ufficio” la sera, ritirare tutto affinchè la vostra vita riprenda il suo corso naturale.

Ai ragazzi consiglio di alzarsi e non seguire le lezioni dal letto, cercare di vestirsi e sentirsi in ordine per non perdere l’abitudine a prendersi cura di sé e poi seguire le lezioni dalle loro scrivanie.

L’ideale sarebbe evitare anche di lavorare in stanza da letto, che ha il ruolo di farci riposare non di farci stare all’erta e in attività. Per questo motivo parlavo della facciata del vostro appartamento, della vostra abitazione, che invece ha già una funzione attiva e attivante, normalmente luminosa. Se noi abbiamo le spalle coperte e il viso rivolto verso la luce automaticamente sarà più facile mantenere la concentrazione. Ricordiamo, infatti, che a casa la situazione è molto più tranquilla che in ufficio dove la presenza di più persone rende il luogo più vivace.

Seduti in questa maniera non solo sarete più efficaci nel vostro lavoro, ma potrebbero nascere in voi delle passioni o degli interessi che non avevate mai contemplato prima. Questo avviene perché soggiornando a lungo in un determinato “angolo” della casa il vostro inconscio potrebbe cogliere informazioni dall’ambiente e potrebbe aiutarvi a realizzare obiettivi nuovi e diversi. Ognuno di noi ha una sua conformazione energetica, e se posizioniamo la scrivania affinchè il suo orientamento ci sia favorevole i risultati saranno veramente sorprendenti!