Secretary.it la community dedicata alle assistenti di direzione

Professione Assistenti di direzione

Personal Assistant 4.0

Ecosistema organizzativo: perché servono Personal Assistant 4.0

Sempre più aziende hanno bisogno di Personal Assistant e risorse 4.0 integrate e inserite nell’ecosistema organizzativo.

In questi ultimi anni è cresciuta enormemente la richiesta da parte delle aziende di avviare dei processi formativi volti ad agevolare il passaggio dalle esigenze, competenze, abilità individuali delle persone a uno spirito di gruppo fino a raggiungere la riorganizzazione delle stesse in un team, in grado di condividere regole d’ingaggio. La consapevolezza che l’azienda/l’organizzazione funzioni come un ecosistema, dove un singolo elemento è determinante per la vita e la sopravvivenza di tutte le altre specie, e che questo approccio abbia un impatto economico-motivazionale-relazionale straordinario a cascata dal top management verso il basso (top down), ma soprattutto dal basso verso l’alto (bottom-up), è un dato di fatto. Questo aspetto per me è ancora più evidente lavorando intensamente con le assistenti di direzione a tutti i livelli, che se da una parte sono a strettissimo contatto giornaliero con il top management, dall’altra proprio per questo, vengono spesso tenute isolate da altri progetti e processi aziendali e formativi, come se fossero una specie rara da preservare e non integrare per consentire la crescita e lo sviluppo dell’organizzazione sul mercato interno ed esterno.

La quarta rivoluzione industriale ci spinge non solo a modificare questo atteggiamento inadeguato ad affrontare l’impermanenza e la velocità del cambiamento, quali status quo della nostra vita personale e professionale, ma anche a ridisegnare la carta d’identità delle assistenti di direzione, chiamate a riconoscersi ed essere riconosciute come Personal Assistant 4.0, vale a dire integrate nel sistema produttivo, organizzativo, economico, innovativo, che richiede un costante feedback tra la rete interna e quella esterna dell’azienda.

Personal Assistant 4.0

La rivoluzione digitale, oltre a portare con sé un cambiamento tecnico e tecnologico, richiama le aziende a focalizzarsi su una nuova cultura e un nuovo coinvolgimento delle persone, mettendole in grado di lavorare a vasi comunicanti e non a compartimenti stagni, di passare dal meQ al weQ (Quality), affinché ciascuna risorsa possa apportare idee, linfa vitale per alimentare la squadra.

Da consulente aziendale e coach posso testimoniare che, sia che si tratti di ambienti militari, quindi gerarchicamente ingessati, sia che si operi in contesti più imprenditoriali e più aperti, sia che si abbia a che fare con multinazionali o con PMI, sia che sia agisca con il pubblico o con il privato (fermo restando che gli obiettivi variano), è sorprendente il passaggio da un approccio individuale stile “io mi aspetto che le cose accadano” a un atteggiamento proattivo condiviso della serie “io e noi creiamo quelle opportunità che fanno accadere le cose”, dopo aver avviato un processo di business development, networking & mentoring program.

In un ecosistema aziendale funzionante e performante accade ciò che si verifica in un Orto Botanico e Giardino della Biodiversità esemplari: l’ambiente è il risultato della conservazione, innovazione, crescita, trasformazione, contaminazione di tutte le risorse che convivono se, e sottolineo se, si seguono i passi giusti: esplorare e indagare il contesto; analizzare le risorse e le competenze a disposizione, favorendone l’integrazione e la contaminazione per lo sviluppo e la trasformazione; monitorare e misurare i risultati effettivi all’interno e all’esterno; creare un sistema di aggiornamento per garantire l’equilibrio nel cambiamento.

Leave a Reply